Provincia di Torino

Cerca nel sito

IMU

ANNO 2013 - I RATA

NUOVO CALENDARIO IMU - La sospensione Imu di giugno cambia le scadenze e aggiunge un secondo appuntamento con la dichiarazione dei redditi per chi aveva compensato l'imposta nel 730. 

La road map per il pagamento Imu inizia il 17 giugno: sarebbe il 16 da calendario ma la scadenza cade di domenica, "regalando" un giorno in più a coloro che non potranno beneficiare della sospensione della prima rata per pagare attraverso un bollettino postale o l'F24 la quota calcolata in base alle aliquote comunali. Il comune non ha modificato i parametri nel 2013 e pertanto si applicano le aliquote 2012.

Il I luglio è il termine ultimo - lato comune - per ritoccare le aliquote mentre per chi aveva già deliberato i nuovi parametri i tempi si allungano fino al 30 settembre, con comunicazione entro il 9 novembre al ministero delle Finanze. I contribuenti, invece, dovranno segnare in agenda questa data per presentare la dichiarazione Imu relativa agli eventi (cambiamenti catastali e via dicendo) avvenuti nel 2012, e anche per l'eventuale ravvedimento operoso sui versamenti Imu del 2012.
Nel caso ci fossero stati errori relativi al versamento dell'acconto Imu 2013 (quello del 17 giugno), si ha tempo fino al 2 luglio per il ravvedimento operoso "sprint".
Il 31 agosto scadono i famosi 100 giorni che l'esecutivo si è dato per operare la riforma Imu che potrebbe riguardare anche la Tares.
Se non si riuscirà a predisporre per tempo la riforma Imu, andrà pagato l'acconto non versato a giugno sulla prima casa entro il 16 settembre.
Chi ha utilizzato in 730 il credito d'imposta per pagare l'Imu potrà presentare il 730 integrativo entro il 25 ottobre, oppure presentare il modello Unico entro il 30 settembre.
Il 16 dicembre scade il saldo Imu: le aliquote deliberate dal Comune saranno a disposizione sul portale del federalismo fiscale un mese prima.


ANNO 2012

Per l’anno 2012 il Comune di Luserna San Giovanni  con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 05/07/2012  ha determinato l’applicazione delle seguenti aliquote: 

abitaz. principali
0,40%
altri fabbricati
0,91%
aree fabbricabili
0,91%
fabbricati rurali
0,40% se abit.principale 
0,91% se altra tipologi
fabbricati rurali strumentali
0,20% (la cat. D/10 è ESENTE) 
Ha approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 27/09/2012 il Regolamento per l'applicazione dell'Imposta Municipale Propria

Istruzioni per il calcolo online
Prima di procedere al calcolo si invita i contribuenti a verificare i dati da inserire: rendite catastali  e/o valori delle aree fabbricabili. (esempi di calcolo forniti dal Dipartimento delle Finanze)
Con le informazioni e dati raccolti, e' possibile eseguire il calcolo del saldo IMU 2012 
E' necessario compilare una videata per ogni immobile.
Iniziare con l'abitazione principale e a seguire pertinenze dell'abitazione principale e poi gli altri fabbricati.
L'Ente declina qualsiasi responsabilità per errori di calcolo derivanti dall'immissione di dati incongruenti. Il Comune, pertanto, mantiene inalterato il proprio potere di controllo e accertamento sui versamenti effettuati utilizzando questa funzione

DICHIARAZIONI IMU
Con decreto 30.10.2012 prot 23899 il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha approvato i modelli di dichiarazione IMU.
I modelli sono scaricabili dal sito www.finanze.gov.it  oppure disponibili nel nostro sito
La dichiarazione, come meglio specificato nelle Istruzioni allegate alla stessa,  è dovuta  nei casi in cui:
La dichiarazione deve essere presentata  entro 90 giorni dalla data  in cui  si è verificata la variazione soggetta a denuncia. Se l'obbligo dichiarativo è sorto dal 01 gennaio 2012 la dichiarazione deve essere presentata entro il 04 febbraio  2013 o, in caso di ulteriore proroga, entro la nuova data di scadenza che verrà stabilita.

Per informazioni Comune di Luserna San Giovanni - Ufficio Polizia Urbana - Via Roma n. 31 - 
 
Orario apertura ufficio:
lun-giov: 10.30-12.30
mar-mer: 8.30-10.30 - 15,30-17,30
ven: 9.30-12.30
Tel
. 0121.954449
Fax. 0121.902358
 


IM
POSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)
L'art. 13 del D.L. 201/2011 convertito in legge 214/2011, ha istituito l'Imposta Municipale Propria in via sperimentale per il triennio 2012- 2014.
L'IMU sostituisce l'I.C.I.. Da quest'anno l'imposta è dovuta anche sull'abitazione principale e sue pertinenze;
con la presente si comunicano le modifiche introdotte a seguito dell'istituzione dell'Imposta Municipale Propria (IMU) sostituzione dell'Imposta Comunale sugli Immobili (ICI).
Tutti coloro che sono proprietari di fabbricati, di aree fabbricabili sono soggetti al pagamento dell’imposta.Su questo sito  internet è disponibile il programma per il calcolo automatico dell’IMU e la stampa dei relativi modelli

CALCOLO DELLA BASE IMPONIBILE

FABBRICATI
Renditacatastale+5%x 160  immobilicat. A,C/2,C/6,C/7,con esclusionedella cat.A/10
Renditacatastale+5%x 140  immobilicat. B ,  C/3,C/4eC/5
Renditacatastale+5%x 80  immobilicat.D/5e A/10
Renditacatastale+5%x 60  immobilicat.Dadeccezionecat.D/5
Renditacatastale+5%x 55  immobilicat.C/1

AREE FABBRICABILI
La base imponibile è costituita dal venale in comune commercio al 1º gennaio dell'anno di imposizione.

TERRENI
I terreni agricoli sono esenti dall’imposta in quanto Comune montano.

ALIQUOTE (approvate con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 05/07/2012)
   
abitaz. principali
0,40%
altri fabbricati
0,91%
aree fabbricabili
0,91%
fabbricati rurali
0,40% se abit.principale
0,91%se altra tipologi
fabbricati rurali strumentali
0,20%

Si evidenzia che,ai fini dell’IMU,le abitazioni concesse in comodato d’uso gratuito ai figli e/o genitori non sono più equiparate alle abitazioni principali,pertanto sono soggette al pagamento dellaliquota del 0,91% Per le abitazioni e relative pertinenze possedute a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza o la dimora abituale  in istituti di ricovero o sanitari, si applica laliquota del 0,40% e le detrazioni previste per labitazione principale a condizione che labitazione rimanga vuota a disposizione dellanziano o deldisabile che potrebbe, in qualunque momento rientrarvi o delleventuale coniuge,con lo stesso convivente. Per i fabbricati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante ilquale sussistono tali condizioni, l 'imposta è ridotta del 50 per cento ed è calcolata con laliquota del 0,91%. L'inagibilità o inabitabilità deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria.

DETRAZIONI PRIMA CASA 
Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica uniimmobiliare nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'uniad uso abitativo. Nel caso in cui siano presenti più pertinenze appartenenti alla medesima categoria catastale,viene considerata pertinenza dellabitazione principale quella con la rendita più elevata.
Dall'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suoa mmontare,euro 200 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione. Come per l'ICI, se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi,la detrazione spetta a ciascunodi essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica. La detrazione di euro 200 è maggiorata di euro 50 per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, purcdimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'uniimmobiliare adibita ad abitazione principale. L'importo della detrazione per i figli non può superare l'importo di euro 400. La detrazione complessiva può essere, quindi,al massimo di euro 600.
 
VERSAMENTI
Si informano i contribuenti che le aliquote e le detrazioni presenti sono da applicarsi esclusivamente per l'importo dovuto in acconto (6mesi) e che per il saldo (gli ulteriori 6 mesi) aliquote e detrazioni, per espressa previsione normativa, potrebbero essere suscettibili di variazioni sia ad opera del Comune che dello Stato. Infatti il D.L.16/2012, convertito nella Legge n.44/2012,stabilisce le seguenti scadenze:
 
ACCONTO
SALDO
Entro il 18 giugno-  il 16 cade di sabato - determinato sulla base delle aliquote e detrazioni di legge.
Entro il 17 dicembre
il 16 cade di domenica
 
Per il saldo i contribuenti dovranno effettuare il pagamento a conguaglio dell'imposta dovuta sulla base delle decisioni che i comuni adotteranno entro il 30 settembre.I Comuni possono articolare le aliquote tra un minimo e un massimo rispetto a quanto stabilito dallo Stato (2,4 e 7,6 per mille), che si riserva la facoldi modificare tali parametri di riferimento entro il 10 dicembre.
Solo per le abitazioni principali (e pertinenze) il pagamento potrà essere effettuato in tre rate:

il 33% entro il 18 giugno 2012
il 33% entro il 17 settembre 2012
il saldo, con l'eventuale conguaglio, entro il 17 dicembre 2012
 
Il pagamento dellacconto e saldo deve essere effettuato obbligatoriamente tramite il modello F24 . CODICE ENTE: E758

SINTESI ALIQUOTE IMU 2012
 
Aliquota percentuale contributo tributo
Aliquota Ordinaria 9,1 per mille 5,3 per mille codice trib. 3918 quota Comune
3,8 per mille codice trib. 3919 quota Stato
Abitazione Principale 4 per mille 4 per mille codice trib. 3912
Terreni Agricoli 9,1 per mille 5,3 per mille codice trib. 3914 quota Comune
3,8 per mille codice trib. 3915 quota Stato
Aree Fabbricabili 9,1 per mille 5,3 per mille codice trib. 3916 quota Comune
3,8 per mille codice trib. 3917 quota Stato
  
ELENCO CODICI:
 
 
CODICEQUOTA COMUNE
CODICEQUOTA STATO
Abitazione principale e pertinenze
3912
---------
Fabbricati rurali ad uso strumentale
3913
---------
Terreni
3914
3915
Aree edficabili
3916
3917
Altri immobili
3918
3919
 


Ultimo aggiornamento pagina: 08/04/2014 10.35.00

Home
Mappa del sito
Privacy
Note Legali
Accedi area riservata
COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI - Provincia di Torino
Via Roma, 31 - 10062 Luserna San Giovanni (TO) - Italy
Telefono (+39) 0121.954114 - Fax (+39) 0121.902021 - Codice Fiscale / Partita IVA: 01466170014
E-mail: urp@comune.luserna.to.it - Web: http://www.comune.luserna.to.it/
Posta elettronica certificata (DPR n.68 del 11/02/05): protocollo@pec.comune.luserna.to.it